news-eventi-e-open-day

09

mag

mar

Viaggio nella città della memoria

Cronaca della tre giorni a Berlino degli studenti di V ITE

Berlino è la città della memoria, dove tutto parla del lento, ma inesorabile, cammino dell'uomo e della storia verso il bene. Se la memoria è la storia del rapporto tra l'io e la realtà, molto più che in altre città, qui le tracce di questo drammatico, ma affascinante cammino di un popolo verso la libertà  sono ancora incontrabili, non solo nei luoghi e nelle pietre, ma nelle persone che hanno vissuto questi anni drammatici. È quanto hanno potuto sperimentare di persona gli studenti della V ITE durante l'uscita didattica di tre giorni, dal 20 al 22 aprile scorsi.

Tra i momenti più significativi di questa esperienza, vi è stata sicuramente la visita al campo di concentramento di Sachsenhausen, dove il male dell'uomo ha toccato uno dei suoi punti più estremi. Ma l'incontro più commovente è con Monika, imprigionata per due anni in un carcere della Stasi per aver tentato di seguire un uomo occidentale di cui si era innamorata. La sua storia parla della dignità della persona, spesso calpestata, ma irriducibile, e dell'insaziabile desiderio di libertà, che accomuna tutti gli uomini. 

Berlino è, però, al tempo stesso una città in continuo movimento. Là dove c'erano palazzi grigi, totalmente uguali, riverbero edilizio di una tristezza umana, oggi si incontrano cantieri che lavorano a progetti urbanistici modernissimi, segno che quella storia e quella città sono ora decisamente proiettate verso il futuro.

 

Guarda la gallery completa su www.flickr.com

 

 

INDIETRO