news-eventi-e-open-day

24

mar

ven

La bellezza incarnata

Tra Firenze, Fiesole e Coverciano, i ragazzi di terza della Scuola secondaria di I grado hanno scoperto, osservato ma anche spiegato direttamente i tantissimi capolavori realizzati da scultori e pittori famosi nel corso dei secoli

L'8 e 9 marzo scorsi Giotto, Masaccio, Brunelleschi, Michelangelo, il Beato Angelico, ma anche Roberto Baggio hanno virtualmente condotto gli alunni di terza della Scuola superiore di I grado sulle tracce di chi, tra Firenze, Fiesole e Coverciano, ha pregato di "Desiderare sempre più di quanto potesse realizzare" (cit. Michelangelo Buonarroti). In luoghi in cui lo spirito umano nella storia ha dato origine a capolavori di bellezza in ogni ambito, gli studenti in compagnia dei loro insegnanti hanno guardato, ascoltato, ma anche spiegato direttamente ai loro compagni e partecipato a una indimenticabile caccia al tesoro tra le vie del centro della città del giglio. Non è poi mancata un'incursione sui campi del Centro Tecnico della Nazionale di calcio a Coverciano, dove gli studenti hanno partecipato a una partitella e alla visita al Museo del Calcio.

 

 

INDIETRO